Lanusei

La nostra storia

Il Centro Aias di Lanusei ha iniziato l’attività in data 3 dicembre 1975.

Nato come Centro di riabilitazione globale ambulatoriale e domiciliare ha, in seguito, esteso la sua attività al regime diurno socio riabilitativo, sino ad alcuni anni fa chiamato "seminternato".

In questi anni ha erogato migliaia di prestazioni riabilitative a pazienti provenienti da gran parte dell'Ogliastra.

Il Centro, nel 2016, ha ricevuto dall’Assessorato regionale alla Sanità, l’accreditamento istituzionale definitivo come "Centro ambulatoriale di riabilitazione globale e Centro diurno a valenza socio-riabilitativa per persone con disabilità in situazione di gravità".

La struttura e l’organigramma

La Struttura, collocata nei due piani superiori di una palazzina situata nella parte alta dell’abitato di Lanusei, nonostante l’età, è molto luminosa ed accogliente. È dotata di un cortile alberato munito tra le altre cose di un grande barbecue dove, nel periodo primaverile ed estivo, si svolge parte dell’attività del centro diurno, all’ombra di un albero e di un grande pergolato che produce ottima uva di due diverse varietà.

I locali destinati alle attività riabilitative individuali sono cinque; vi è poi una sala laboratorio, una sala soggiorno, una sala mensa ed un ambulatorio medico, oltre a tutti gli altri locali previsti dalle normative vigenti per strutture di questa tipologia.

Il lavoro degli operatori si svolge secondo le modalità e le logiche dell’équipe multidisciplinare, la quale consta di diverse figure: il coordinatore del Centro, il direttore sanitario, l’impiegata amministrativa, medici specialisti in neurologia e neuropsichiatria infantile, l’assistente sociale, i terapisti della riabilitazione, la psicologa, le educatrici, le OSS(S) e garantisce i necessari approfondimenti di diagnosi funzionale e la personalizzazione dell’intervento riabilitativo globale e socio-riabilitativo.

Il Centro diurno a valenza socio riabilitativa

Il Centro diurno a valenza socio riabilitativa, come recita la normativa regionale, è un servizio rivolto a persone in età post-scolare, in maggioranza giovani adulti, con diversi profili di disabilità – fisica e mentale – che fornisce interventi a carattere educativo-riabilitativo-assistenziale e di socializzazione, con l’obiettivo di potenziamento e/o mantenimento delle abilità residue.

L’intervento psicoeducativo, nelle figure specifiche del personale educativo e riabilitativo, si esplica attraverso la presa in carico della persona, l’affiancamento e accudimento nelle attività della vita quotidiana, la cura degli aspetti affettivo-emotivi e comportamentali, l’attivazione, il mantenimento e il potenziamento dei processi di socializzazione.

Il servizio si svolge sotto la supervisione della psicologa, per la programmazione e verifica dell’intervento educativo sull’utente, e della neuropschiatra Infantile per quanto concerne la componente riabilitativa psichiatrica e neuro-cognitiva.

L’attività della giornata inizia con accoglienza dei ragazzi – momento di socializzazione - e prosegue con lo svolgimento delle attività programmate.

Tali attività sono strutturate, semi strutturate e ludico-ricreative. La programmazione viene fatta annualmente, attraverso la messa a punto di progetti che possono avere durata variabile a seconda della tipologia del progetto, con durata che varia da giornaliera a trisettimanale oppure mensile. Attualmente sono attivi i laboratori creativo-espressivo, cucina, orto e giardinaggio, teatrale, falegnameria, uscite presso fattorie didattiche. Sono in corso di riattivazione i laboratori in occasione della sagra delle ciliegie e di proiezione di audiovisivi a carattere educativo.

Ai pazienti inseriti nel centro diurno a valenza socio riabilitativo viene garantito il servizio mensa nel rispetto di tabelle dietetiche predisposte dall’équipe medica, approvate dalla locale Azienda Sanitaria competente territorialmente, con la possibilità di pasti personalizzati a seconda delle necessità degli utenti.

Viene attribuita grande importanza al rapporto con gli utenti e con le loro famiglie, che sono tenute costantemente informate sull'evoluzione del percorso riabilitativo e istruite per l’assistenza dei propri cari durante la permanenza a casa. A tale scopo vengono programmati incontri periodici con i familiari e ricercata costantemente la loro collaborazione – anche e soprattutto – in caso di famiglie con rilevanti problematiche sociali, nei confronti delle quali si attuano interventi diretti di supporto, tendenti a favorire un maggior coinvolgimento nel progetto riabilitativo.

In caso di deficit deambulatori, i pazienti inseriti in regime ambulatoriale che ne facciano richiesta, compatibilmente con l’organizzazione del servizio, possono usufruire di un trasporto protetto che dal proprio domicilio li conduce al centro di riabilitazione e viceversa.

Il servizio è completamente gratuito in quanto a carico della Regione Autonoma della Sardegna (art. 92 LR 12/85 e s.m.i.).

Il Centro di riabilitazione globale

Eroga prestazioni riabilitative in fase post-acuta, intermedia e di mantenimento, in regime ambulatoriale e domiciliare, attraverso un complesso di interventi valutativi, diagnostici, terapeutici, finalizzati a portare il soggetto, affetto da menomazioni congenite o acquisite, a limitare o superare la sua disabilità e a reintegrarlo così nel proprio ambiente familiare, lavorativo, scolastico e sociale.

Il servizio si svolge sotto la supervisione di medici specialisti in neurologia (per i pazienti maggiorenni) o neuropsichiatria infantile (per i pazienti dell'età evolutiva), in équipe con l'assistente sociale, la psicologa ed i terapisti della riabilitazione. Il gruppo multidisciplinare (Unità di Valutazione Interna), con riunioni periodiche, discute i casi in trattamento e decide collegialmente l'organizzazione del Progetto Programma riabilitativo.

In caso di deficit deambulatori, i pazienti inseriti in regime ambulatoriale che ne facciano richiesta, compatibilmente con l’organizzazione del servizio, possono usufruire di un trasporto protetto che dal proprio domicilio li conduce al Centro di riabilitazione e viceversa.

Il servizio è completamente gratuito in quanto a carico della Regione Autonoma della Sardegna (art. 92 LR 12/85 e s.m.i.).

***************************************************************************************************************************************

Direttore sanitario: Medico specialista in Neurologia, Gabriele Farina

Coordinatore: Antonio Maxia

Medico specialista in Neurologia, Gabriele Farina

Medico specialista in Neurologia, Paolo Falchi

Medico specialista in Neurologia, Marta Melis

Medico specialista in Neurologia, Valeria Piras

Medico specialista in Neuropsichiatria Infantile, Alessandra Manca

Assistente sociale: Lucia Uda

Psicologo: Antonella Vinci