Sant'Antioco

Il Centro ambulatoriale di riabilitazione globale dell’Aias di Sant’Antioco è un servizio che opera al 2° livello organizzativo di intervento (riabilitazione globale), situato nell’omonima isola.

L’attività, iniziata in data 21 Luglio 1986, viene svolta 12 mesi dell’anno, dal lunedì al sabato, per complessive 36 ore settimanali.

Il Centro copre un bacino di utenza esteso, oltre che nella cittadina lagunare anche nei Comuni limitrofi di Calasetta e San Giovanni Suergiu, comprese le varie frazioni appartenenti agli stessi comuni.

L’organico del Centro è composto da 9 dipendenti: un coordinatore, un assistente sociale, quattro terapisti della riabilitazione, un autista, un operatore socio sanitario, un ausiliario, e da 5 consulenti: un direttore sanitario (specializzato in ortopedia), un neurologo, un neurofisiopatologo, un neuropsichiatra infantile e una psicologa.

Il Centro eroga prestazioni riabilitative in fase post-acuta, intermedia e di mantenimento, in regime ambulatoriale e domiciliare attraverso un complesso di interventi valutativi, diagnostici, terapeutici e di adattività, finalizzati a portare il soggetto, affetto da menomazioni congenite o acquisite, a limitare o superare la sua disabilità, per ritornare attivo nel proprio ambiente familiare, lavorativo, scolastico, sociale. L’intervento riabilitativo è indicato nel caso di persone con disabilità importanti con possibili esiti permanenti, in situazioni emendabili che richiedono trattamento riabilitativo globale multi professionale.

I servizi offerti si integrano con l’attività delle Unità Operative per acuti e con le strutture sanitarie e socio assistenziali territoriali, garantendo il raccordo tra l’area ospedaliera dell’acuzie ed il territorio.

I servizi presenti si articolano i varie tipologie:

Servizio ambulatoriale di riabilitazione globale: servizio che eroga prestazioni riabilitative ambulatoriali in fase estensiva (completamento del recupero o intermedia) e di mantenimento di abilità, e prestazioni riabilitative domiciliari in fase estensiva e di mantenimento, con un tempo di intervento tecnico sul paziente di 45 minuti per l’estensivo, e 30 minuti per il mantenimento.

Il trattamento ambulatoriale è erogato presso il centro; in caso di deficit deambulatori, il paziente può usufruire di un trasposto protetto.

Al trattamento domiciliare si può ricorrere nel caso in cui esista una totale insufficienza statico-dinamica del paziente con impossibilità o controindicazioni al trasporto, o per manifesta impossibilità, opportunamente verificata, allo spostamento dall’abitazione per la presenza nella stessa di barriere architettoniche non eliminabili o superabili.

In età evolutiva le prestazioni domiciliari sono effettuabili in particolari condizioni predeterminale e per tempi definiti per il raggiungimento di specifici obiettivi.

Le prestazioni sono finalizzate al massimo recupero e al completamento del recupero.

Servizio di riabilitazione globale in regime ambulatoriale e domiciliare di mantenimento: servizio che eroga prestazioni finalizzate al contenimento di evolutività ed al mantenimento di abilità, per rimodulare e riqualificare il progetto di vita della persona con tempi di intervento non inferiore ai 30 minuti. Il mantenimento, previa valutazione multiprofessionale e multidimensionale iniziale, prevede un massimo di 60 trattamenti all’anno.

Servizio di trasporto: in caso di deficit deambulatorio i pazienti, inseriti in regime ambulatoriale (sia estensivo che mantenimento) che ne facciano richiesta, potranno usufruire di un trasporto protetto che dal proprio domicilio li condurrà al centro di riabilitazione e viceversa.

Il lavoro degli operatori si svolge secondo i modi e le logiche dell’equipe multidisciplinare che per ogni utente prevede la definizione del progetto-programma riabilitativo individuale indicante obiettivi perseguibili, i tempi di attuazione, i modi di verifica e di valutazione.

Tutto il lavoro del Centro si svolge secondo le linee guida aziendali: le istruzioni operative.

Le istruzioni descrivono in dettaglio "come" gestire i punti critici per la qualità in ogni specifica attività e mostrano gli elementi del lavoro giornaliero del personale dell’Aias.

Per garantire la qualità di tutto il nostro lavoro si segue il manuale della qualità che è il documento fondamentale usato dall'azienda per descrivere, documentare, coordinare e integrare la struttura organizzativa, le responsabilità e tutte le attività che regolano l'istituzione, il funzionamento e la gestione del sistema di gestione per la qualità secondo la politica della qualità e la norma UNI EN ISO 9001.

***************************************************************************************************************************************

Direttore sanitario: Medico specialista in Ortopedia, Giovanni Ortu

Coordinatore: Daniela Mercenaro

Medico specialista in Neurologia, Aldo Casula

Medico specialista in Neurofisiopatologia, Gianni Orofino

Medico specialista in Neurofisiopatologia, Angela Maria Sanna

Medico specialista in Neuropsichiatria Infantile, Maria Celeste Serci

Assistente sociale: Francesca Falchi

Psicologo: Gioia Cambiaggio