SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SULLA RIABILITAZIONE

SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SULLA RIABILITAZIONE

Per il Consiglio di Stato sono pochi 1200 posti per la riabilitazione ed ha annullato il fabbisogno programmato nel 2015 dal Ministero della Salute per tutta Italia.

Secondo i Giudici bisogna ricalcolare il fabbisogno. La sentenza è stata emessa dopo il ricorso presentato dalla Fondazione Santa Lucia. 
Il fabbisogno era stato programmato nel 2015 dal Ministero della Salute in 1200 posti letto per tutta Italia. Oltre 6.000 i posti letto valutati come necessari da società scientifiche e dati epidemiologici. L'accesso a percorsi di neuroriabilitazione di alta specialità per pazienti con gravi lesioni del sistema nervoso è un diritto alla salute "non sacrificabile" pure nel doveroso rispetto delle esigenze di bilancio e di contenimento della spesa sanitaria. Non solo pazienti che hanno attraversato un periodo di coma devono poter essere trattati in strutture di alta specialità neuroriabilitativa, ma qualsiasi paziente che abbia subito una grave lesione del sistema nervoso.

vedi anche

A TUTTI I DIPENDENTI E COLLABORATORI

A TUTTI I DIPENDENTI E COLLABORATORI

COMUNICAZIONI STIPENDIO GIUGNO 2019

vai al dettaglio

SOLO VERSO IGNOTI PROCEDIMENTO APERTO DALLA PROCURA

SOLO VERSO IGNOTI PROCEDIMENTO APERTO DALLA PROCURA

Il Presidente di AIAS Cagliari fa presente che il procedimento penale aperto dalla Procura della Repubblica di Cagliari, in relazione al quale in data odierna, 1 agosto, si sono svolte le ispezioni presso le strutture di Cagliari, Decimomannu, Cortoghiana, Domusnovas e Monastir, è un procedimento a carico di ignoti, iscritto a seguito delle generiche notizie di stampa apparse negli ultimi giorni su segnalazione dei sindacati.

vai al dettaglio

A TUTTI I DIPENDENTI E COLLABORATORI

A TUTTI I DIPENDENTI E COLLABORATORI

A tutti i dipendenti e consulenti AIAS. Come vi abbiamo preannunciato, ieri si è tenuto il Tavolo Tecnico presso l’Assessorato alla Sanità per la verifica dei crediti da Noi vantati verso le ex AA.SS.LL., ora ATS, e verso i Comuni. Il Tavolo ha potuto valutare la parziale ricognizione fatta dai nostri Uffici con quelli dell’ATS, riguardante gli anni dal 2016 al 2018 e da questa è stato riconosciuto essere dovuto all’Associazione un primo parziale importo di circa 1 milione di Euro.

vai al dettaglio